POLIZIA LOCALE: Comunicato di Giovanni Pagliarini Segretario Nazionale FP CGIL
e  di Gennaro Martinelli Coordinatore Nazionale FP CGIL

Cancellazione della specificità professionale, doveri tanti e nessun diritto!

 

Questo in sintesi il contenuto del testo unico sul quale prosegue la discussione sulla modifica della legge 65/86 adottato dalla commissione Affari Costituzionali.

Un testo enfatizzato da roboanti dichiarazioni di esponenti politici dell’attuale maggioranza e da alcuni sindacati di mestiere, che ci vogliono far credere che attraverso quelle modifiche saranno risolti i problemi delle lavoratrici e dei lavoratori della polizia locale.

Niente di più falso, si tratta dell’ennesima iniziativa incapace di affrontare in modo concreto l’insieme delle questioni che investono la Polizia Locale.

Non si affronta il tema dell’identità della Polizia Locale, del suo ruolo, dei suoi compiti e delle sue funzioni all’interno delle politiche integrate per la sicurezza e del controllo del territorio, non si affronta il tema della specificità professionale a partire dalla valorizzazione delle complesse attività di polizia amministrativa svolta dalla Polizia Locale, non si affronta il tema del rapporto con le altre forze dell’ordine e con i vari livelli istituzionali.

Siamo in presenza di una proposta che non solo non da risposte alle legittime aspettative delle lavoratrici e dei lavoratori della Polizia Locale, ma che impedisce, nei fatti, la possibilità di costruire in termini di condizioni di lavoro e professionali un futuro migliore, che espone gli agenti di Polizia Locale nell’arco della loro vita lavorativa, snaturandone l’attività professionale, al punto da renderli un sottoprodotto delle altre forze di polizia.

Ma non è finita, il testo non dice nulla in tema di diritti: non una parola sulla necessità di adeguare la disciplina assistenziale e infortunistica con le altre forze di polizia, nulla in tema previdenziale!

Chi ha pensato a questo testo dovrebbe arrossire dalla vergogna ogni volta che incrocia un agente di Polizia Locale!

La FP CGIL non ci sta, la nostra lotta a tutela della qualità del lavoro, della professionalità, dei diritti(contrattuali, salariali, previdenziali, assistenziali e infortunistici) proseguirà con maggior forza.

In questi giorni ci siamo attivati, congiuntamente con le altre organizzazioni sindacali confederali, per informare e coinvolgere il sistema delle autonomie, i Sindaci, i Presidenti di Provincia e Regione, nonché i gruppi Parlamentari della gravità della situazione e della necessità di mettere in campo azioni capaci di correggere le storture contenute nel testo unificato adottato dalla Commissione Affari Costituzionali e le prime iniziative sono già state intraprese.

La Polizia Locale è per la FP CGIL una grande risorsa, una risorsa al servizio delle comunità locali e non consentiremo a nessuno di snaturare, indebolire e distruggere oltre cento anni di storia e professionalità.

Roma, 23 settembre 2005

Documentazione: Testo adottato dalla I° Commissione
                           Presa di posizione FP CGIL - CISL FPS - UIL FPL
                           Presa di posizione congiunta ANCI -  FP CGIL - CISL FPS - UIL F
PL