COSTITUZIONE COORDINAMENTI REGIONALI  DIRIGENZA 
AUTONOMIE LOCALI

 

             Nella riunione del coordinamento nazionale della dirigenza autonomie locali tenutasi lo scorso il 13 novembre è emersa ancora una volta, in modo forte, la necessità di dare un carattere di continuità e certezza alla rappresentanza dei lavoratori di quest’importante settore al fine di evitare, in una situazione di generale crescita della presenza CGIL fra i dirigenti delle autonomie locali, situazioni organizzative disomogenee fra le diverse realtà territoriali.

            Ciò perché, accanto a realtà regionali che hanno costituito da tempo coordinamenti della dirigenza o comunque individuato referenti in modo preciso, molte altre non si sono ancora mosse a tutt’oggi in questo senso, comportando in questo modo una più difficile gestione del contratto nonché dello svolgimento di una più efficace azione di tutela nei confronti degli iscritti.

Tutto questo è sicuramente acuito dalle particolari peculiarità di questa categoria frammentata in moltissime realtà aziendali, e con una reale difficoltà oggettiva d’incontro tra i dirigenti iscritti, spesso sparpagliati in ambiti territoriali molto vasti.

Questa situazione, alla vigilia dell’importante appuntamento per il rinnovo del contratto, rende più che mai attuale l’esigenza più volte espressa dal Centro Nazionale di individuare precise responsabilità al livello regionale, per quanto riguarda la dirigenza, che sia espressione dell’attività di coordinamenti nei quali siano rappresentate le diverse realtà comprensoriali.

            Tale soluzione consentirebbe, infatti, di rilanciare con forza, ed in maniera omogenea in tutto il territorio nazionale, l’iniziativa sindacale della CGIL per questi lavoratori, favorendo altresì   una maggiore circolazione delle informazioni inerenti la dirigenza delle Autonomie Locali anche attraverso un più efficace utilizzo della specifica pagina nel sito internet della FP nazionale.

            L’invito che facciamo, quindi, a tutte le strutture regionali che non abbiano ancora provveduto alla individuazione dei coordinamenti regionali e di un responsabile che garantisca gli essenziali contatti e collegamenti con le nostre presenze territoriali nell’area della dirigenza, è quello di convocare al più presto specifiche assemblee di settore per procedere alle designazioni, garantendo sin da ora la presenza dei compagni del Centro Nazionale alle stesse ove richieste dalle strutture in indirizzo.

Gianni Pagliarini
Segretario Nazionale FP CGIL

Roma, 18.11.2003