Roma 18 gennaio 2005                          

 

 Al presidente del Comitato di Settore
             delle Regioni e delle Autonomie Locali
             Dott. Gabianelli 

Al Presidente dell’ARAN
            Avvocato Fantoni 

Al Presidente dell’UPI 

Al Presidente dell’ANCI 

Al Presidente Conferenza delle Regioni 

Al Ministro della Funzione Pubblica

 

Oggetto: incontro con l’ARAN per l’avvio del negoziato relativo al CCNL2004-05 del
              Comparto Regioni-AA.LL

 

COMUNICATO

 

Si è finalmente svolto oggi, a seguito delle pressioni e delle iniziative sindacali, il primo incontro all’ARAN  per il rinnovo del Biennio economico 2004-2005 dei lavoratori del Comparto delle Regioni e delle Autonomie Locali. 

La vertenza ha fatto registrare un ritardo ingiustificato ed inaccettabile legato alla formalizzazione dell’atto d’indirizzo.

L’ARAN ha illustrato  la direttiva  del Comitato di Settore  sia per quanto riguarda   l’offerta economica, che le scriventi Segreterie  hanno giudicato assolutamente inaccettabile,  che per gli altri aspetti, giudicati in maniera altrettanto negativa.

In ragione di ciò, l’insieme delle proposte presenta aspetti di criticità tali da prefigurare tempi non brevi per una positiva  soluzione  del negoziato, nonostante che il contratto sia già scaduto.

Sul versante economico la proposta è da rigettare, per le quantità salariali messe complessivamente a disposizione, assolutamente insufficienti; per la ripartizione operata   tra tabellare ed accessorio;   per la non chiarezza manifestata sulle risorse  aggiuntive.

A fronte di tutto questo le Segreterie hanno chiesto:

  1. La  verifica dei dati relativi alla media retributiva del Comparto e conseguentemente  dei miglioramenti economici
  2. una ripartizione che privilegi il trattamento fondamentale, coerentemente a quanto già operato    nei  rinnovi contrattuali già stipulati del pubblico impiego.
  3. risorse aggiuntive  che confermino quanto già conseguito con il CCNL 22-1-2004 ed eventualmente vengano incrementate attraverso la definizione di ulteriori parametri.

L’ARAN, vista la  ferma determinazione assunta  dalle scriventi Segreterie  nel sostenere le proprie richieste, si è impegnata a verificare le stesse  con il Comitato di Settore nel più breve tempo possibile al fine di avere risposte sollecite,  e creare quindi le condizioni per una nuova convocazione in tempi rapidi .

Le Segreterie Nazionali, preoccupate del merito della proposta  e dei tempi che si potrebbero ulteriormente allungare, proclamano lo stato di agitazione del Personale riservandosi iniziative più decise  a seguito delle risposte che verranno dal Comitato di Settore e dall’ARAN. 

LE SEGRETERIE NAZIONALI

 

FP CGIL
Pagliarini
CISL FPS
Alia
UIL FPL
Fiordaliso